L'Orto Botanico

L’Orto botanico, del Centro di Ateneo per i Musei Scientifici (C.A.M.S.), è collocato nei pressi del complesso di San Costanzo ed è stato realizzato dopo il 1962. L’Orto attuale è il quinto nella storia dell’Ateneo, essendo stato preceduto dai seguenti Orti botanici: quello di Porta Pesa (1720 – 1799); quello di Piazza del Sopramuro realizzato da Annibale Mariotti (1799); quello di Monte Morcino (1813 – 1896) e quello di San Pietro (1896 – 1996), oggi trasformato in Orto medievale.

Le collezioni vegetali sono sistemate principalmente secondo criteri filogenetici; all’interno della struttura sono inoltre presenti raccolte caratterizzate da habitus e da adattamenti ad ambienti particolari. All’interno dell’Orto si segnalano le seguenti sezioni e collezioni: l’arboreto delle gimnosperme - conifere; l’arboreto appenninico; la collezione di piante acquatiche; le specie tropicali e subtropicali da serra calda e serra fredda, le xerofite succulente. Tra le collezioni di piante ornamentali si ricordano: un roseto illustrante la storia della coltivazione del genere Rosa; una collezione di quaranta specie e cultivar di Hydrangea e una raccolta di cultivar di Pelargonium a foglia profumata. Le specie officinali sono prevalentemente localizzate nell’Hortus sanitatis dell’Orto medievale. In tutto sono conservati più di 1200 taxa provenienti dalla flora umbra e dalla flora di altre regioni italiane.

Tutti i diritti riservati Fondazione per l'Istruzione Agraria © | realizzato da Creativi Associati