QUINUmbria | Annata agraria 2017 - 2018

Su una superficie di circa 4,00 ettari abbiamo seminato 4 varietà differenti per 1,00 ettaro ciascuna: Puno, Titicaca, Vikinga, Regalona. Preparazione del letto di semina e concimazione Il letto di semina, reso difficoltoso dalle persistenti piogge nei periodi più idonei alle operazioni di affinamento del terreno, è stato preparato con un’erpicatura realizzata il 23 marzo, successiva alla concimazione di fondo del 18 febbraio e perfezionato con una fresatura a cui è seguita una rullatura finalizzata al livellamento e compattazione del terreno per meglio accogliere i piccoli semi di quinoa.

Semina

La semina è stata particolarmente curata causa le difficoltà date dal non perfetto affinamento del terreno nelle zone dell’appezzamento che solitamente trattengono maggiormente a lungo l’umidità da precipitazioni.

Sviluppo vegetativo

Puno

Regalona

Titicaca

Vikinga

Visite internazionali

In occasione della visita del Prof. Jacobsen, ospite del Dr. Vannuzzi, alle nostre coltivazioni di “Quinumbria”, abbiamo anche effettuato una visita presso il FieldLab – Laboratorio Didattico Sperimentale del DSA3 per prendere visione dell’attività svolta come servizio esterno 1 (DSA3) nell’ambito dell’attività 1 – “Individuazione della tecnica agronomica” del progetto PSR: “Quinoa in Umbria: dall’ipotesi al consumo”.

Sono intervenuti:

  • Prof. Marcello Guiducci, responsabile Unità di Ricerca di Agronomia e Coltivazione erbacee del DSA3
  • Dr. Euro Pannacci, responsabile scientifico dell’attività 1 per il DSA3
  • Dr. Mauro Brunetti, Fondazione per l’Istruzione Agraria in Perugia
  • Dr.ssa Angela Baiocco, Fondazione per l’Istruzione Agraria in Perugia
  • Dr. Francesco Damiani, CNR IBBR Perugia
  • Prof. Sven-Erik Jacobsen, Head – Research Group Tropical Crops, University of Copenhagen, Denmark, (creatore della varietà “Vikinga”)
  • Dr. Dario Vannuzzi, TuttoQuinoa (www.tuttoquinoa.com)

La Raccolta

La raccolta è stata effettuata alla fine di agosto

Trasformazione

La Quinoa è stata sottoposta a diverse lavorazioni con l’obiettivo di eliminare, dove presente (Titicaca e Puno), lo strato delle saponine che rendono il seme poco adatto per l’alimentazione umana. Il prodotto ottenuto è stato utilizzato in parte tal quale, in parte, invece, macinato per ottenere della farina. La granella e le farine sono state, quindi, sottoposte a prove ed analisi presso i laboratori e gli impianti della Colussi Spa.

Risultati

I risultati della coltivazione 2018 saranno presentati al convegno di fine anno.

©Tutti i diritti riservati Fondazione per l'Istruzione Agraria